Angiografia-OCT
Il nuovo angio-OCT è disponibile presso lo studio oculistico d'azeglio

Angiografia-OCT

L'angiografia OCT (angio-OCT) è una modernissima tecnica d'esame che permette di visualizzare i vasi della macula e del nervo ottico, senza bisogno di iniettare un colorante per via endovenosa, come invece avviene per la fluorangiografia e l'angiografia al verde di indocianina. Per quanto riguarda lo studio della macula, l'angio-OCT individua 4 strati: il plesso vascolare superficiale, il plesso vascolare profondo, lo strato retinico esterno (dove normalmente non sono presenti vasi sanguigni) e lo strato della coriocapillare. Anche per quanto riguarda lo studio del nervo ottico, l'angio-OCT individua separatamente 4 strati: lo strato del nervo ottico, del vitreo, dei capillari peripapillari radiali e della coriocapillare.

L'angio-OCT risulta molto utile per inidividuare le neovascolarizzazioni coroideali (CNV), come quelle che caratterizzano la degenerazione maculare senile umida. Inoltre, studi clinici hanno dimostrato che l'angio-OCT è spesso più sensibile dell'imaging tradizionale per riconoscere la presenza di CNV nei casi di corioretinopatia sierosa centrale cronica e nei casi di maculopatia miopica. L'angio-OCT permette anche di definire le dimensioni e i bordi della CNV, non essendo mascherati dal leakage vascolare e questo può essere d'aiuto nel valutare la risposta ad un trattamento o una eventuale riattivazione precoce della patologia, spesso evidente ancora prima della ricomparsa di fluido all'esame OCT tradizionale.

cnv1
 Esempio di angio-OCT in un paziente affetto da CNV

Grazie all'angio-OCT, inoltre, si può riconoscere la presenza e l'estensione dell'ischemia retinica come nei casi di retinopatia diabetica e occlusioni vascolari.

 emd
 Esempio di angio OCT in un paziente affetto da edema maculare diabetico

L'angio-OCT può essere utile anche per lo studio del nervo ottico nel glaucoma: studi clinici, infatti, hanno dimostrato che la densità dei vasi superficiali peripapillari e della papilla ottica è correlata alla densità delle fibre nervose retiniche peripapillari e allo spessore delle cellule ganglionari maculari.

 Copia di 01 Enface
 Esempio di angio OCT del nervo ottico
close

Iscriviti alla Newsletter!

Ricevi dallo Studio d'Azeglio tutte le news, le informazioni sugli interventi e sui corsi.

Leggi la nostra Privacy Policy e Terms of use
ti puoi cancellare dalla lista in qualsiasi momento